12.07.2024

Prestito personale o carta di credito: cosa è meglio?

Oggi parleremo di un argomento che sicuramente sarà passato per la testa di molti di voi: prestito personale o carta di credito, qual è l’opzione migliore?

Dopo tutto, è sempre bene essere informati quando si tratta di gestire il proprio denaro, no?

Quindi rilassatevi, prendete una tazza di caffè e tuffatevi nell’universo finanziario, perché la chiacchierata di oggi sarà lunga!

Prestito personale: cos’è e come funziona?

Il prestito personale è un tipo di credito che prevede un prestito da parte di un istituto finanziario, sia esso una banca, una fintech o una cooperativa.

E, come ogni cosa nella vita, questo denaro non è gratuito: dovrete pagare interessi e commissioni sulla somma presa in prestito.

Vantaggi:

Flessibilità: è possibile utilizzare il denaro del prestito per qualsiasi scopo, che si tratti di pagare i debiti, ristrutturare la casa, investire nella propria attività o persino fare il viaggio dei sogni.

Rate: di solito i prestiti personali possono essere pagati in più rate, il che può facilitare il rimborso.

Tassi di interesse: i tassi di interesse dei prestiti personali sono spesso più bassi di quelli delle carte di credito, soprattutto se si ha un buon rapporto con l’istituto finanziario.

Svantaggi:

Burocrazia: a seconda dell’istituto, il processo di richiesta di un prestito può essere burocratico e lungo, richiedendo vari documenti e analisi del credito.

Impegno di reddito: le rate del prestito assorbono parte del vostro reddito mensile, il che può compromettere il vostro budget.

Carta di credito: cos’è e come funziona?

La carta di credito è un mezzo di pagamento elettronico che consente di acquistare prodotti e servizi a credito, cioè pagandoli in un secondo momento. In genere, gli istituti finanziari offrono un limite di credito pre-approvato, che varia in base all’analisi del credito e al profilo del cliente.

Vantaggi:
  • Facilità e praticità: le carte di credito sono accettate praticamente in tutti gli esercizi e i siti web, il che rende molto più facile fare acquisti.
  • Rateizzazione: spesso è possibile pagare gli acquisti con una carta di credito a rate, il che può aiutare a non impegnare tutto il proprio reddito in una sola volta.
  • Programmi di fidelizzazione: molte carte di credito offrono programmi di fidelizzazione che consentono di accumulare punti per ogni acquisto effettuato e di scambiarli con prodotti, servizi o miglia aeree.
Svantaggi:
  • Tassi di interesse: gli interessi delle carte di credito sono solitamente elevati, soprattutto in caso di pagamento minimo della bolletta.
  • Rendita e commissioni: molte carte di credito prevedono l’addebito di una rendita e di altre commissioni, che possono rendere più costoso il costo della carta.

Prestito personale o carta di credito: qual è l’opzione migliore?

Ora che abbiamo parlato un po’ di ciascuno di questi strumenti di credito, resta da chiedersi quale sia l’opzione migliore per voi. La risposta è: dipende! Vediamo alcune situazioni per capire meglio:

  • Se avete bisogno di denaro per uno scopo specifico e non avete urgenza, forse il prestito personale è l’opzione migliore, in quanto potete ottenere tassi di interesse più bassi e un periodo di rimborso più lungo.
  • Se dovete fare un acquisto una tantum e avete la possibilità di pagare l’intero importo della fattura il mese successivo, una carta di credito può essere una buona opzione, soprattutto se sfruttate i vantaggi dei programmi fedeltà.

È importante ricordare che ogni persona ha una realtà finanziaria e un profilo di consumo diversi. Per questo è fondamentale valutare bene la propria situazione prima di scegliere tra un prestito personale e una carta di credito.